Pasta frolla perfetta per crostatine, tartellette e mini tart

Se cercate una pasta frolla perfetta per crostatine, tartellette o mini tart ho la giusta ricetta per voi. Questa frolla oltre a essere molto elastica, il che la rende facile da modellare, non si sforma durante la cottura. E’ un impasto facile e veloce in preparazione e soprattutto bilanciato tra burro, farina, zucchero e il liquido. Per rendere le vostre preparazioni speciali basta seguire poche regole e qualche trucco e avrete a disposizione la pasta frolla dolce e profumata alla quale tornerete sempre.

Pasta frolla perfetta per crostatine, tartellette e mini tart – il burro

Il burro deve essere di buona qualità. Consiglio altamente di usare il burro che proviene dalla centrifuga del latte o della panna come il burro tedesco o quello danese. Questo renderà la vostra frolla non solo più gustosa e profumata ma eviterete che si spacchi durante il modellamento.

Il burro deve essere freddo e ridotto a dadini. La lavorazione a mano, nel mixer con le lame o nella planetaria faranno velocemente cambiare la temperatura e farlo diventare di circa 10 – 15 °C. Questo passaggio farà si che il burro sarà abbastanza morbido da diventare cremoso ma sarà abbastanza freddo da inglobare aria che ci servirà per l’aggiunta dei liquidi.

Le uova

Parlando dei liquidi un’altra regola che consiglio tanto: pesate le vostre uova! Ovviamente intendo il tuorlo con il bianco e non l’uovo con il guscio 😀 Come mai vi consiglio di seguire questa regola? Beh è molto semplice, almeno che non siete dei pasticceri di professione o se riuscite a ricordare perfettamente a memoria i numeri o a fare dei calcoli veloci, è difficile ricordarsi quanto pesa un uovo medio, quanto quello piccolo e quante uova bisogna usare in caso si volessero preparare 100 crostatine. Pesando il contenuto dell’uovo imparerete a gestire la sua massa ugualmente come fate con la farina.

Le uova devono essere a temperatura ambiente. Le uova troppo fredde scateneranno la reazione del burro che gli farà cambiare la consistenza.

La farina, le regole e i trucchi

La farina è la fonte del glutine e il glutine rende l’impasto resistente, elastico e gommoso ossia tutto quello che non ci serve nella frolla. Per questo è consigliabile scegliere una farina con scarso contenuto proteico (10-11%) e bassa forza (W≈160). Basta che date un’occhiata alla tabella nutrizionale della vostra farina per rendersi conto se è adatta a una frolla. In poche parole la farina con poco glutine rendere la vostra frolla friabile e non gommosa.

Le ultime due regole sono molto semplici ma non meno importanti. Mai e poi mai mettere il lievito nell’impasto in quanto questo deformerà la pasta in cottura.

La pasta frolla deve essere sempre freddissima. Se lavorate l’impasto a mano e la frolla sta diventando molle e appiccicosa posatela subito nel frigorifero. L’impasto va lavorato velocemente per non dargli il tempo di riscaldarsi troppo. Se create le vostre crostatine con fiori o strisce di frolla posatele sempre nel frigorifero per almeno un’ora prima della cottura per dargli il tempo di riposare (rilassare eventuale creazione del glutine) e far raffreddare la massa grassa all’interno dell’impasto.

Seguite l’ordine prestabilito nella ricetta. Prima il burro con lo zucchero, poi i liquidi e infine la farina. Non buttate tutto insieme perchè l’impasto non avrà abbastanza tempo di scatenare certi processi chimici e vi troverete con un impasto più che problematico.

Se siete stati abbastanza pazienti e tenaci e siete arrivati a questo punto e ora di passare alla ricetta.

Preparazione pasta frolla perfetta per crostatine, tartellette e mini tart

Usate il frullatore dotato di lame, una planetaria con la foglia o una ciotola e il mixer.

Versate il burro tagliato a dadini e lo zucchero nel recipiente da voi scelto. Lavorateli a velocità media finchè non sono amalgamati.

Unite un pizzico di sale e le uova intere. Questo è anche il momento giusto per aggiungere gli aromi come la vaniglia o la scorza di limone o arancia. Lavorate il burro con le uova brevemente per farle amalgamare ma non riscaldare troppo l’impasto.

Ora unite la farina setacciata. Azionate il vostro apparecchio da cucina e guardate come la vostra frolla sarà pronta in pochi secondi dopo che la farina è stata assorbita.

Spegnete il mixer e dateli una breve amalgamata con le mani. Lavorare l’impasto solo lo stretto necessario per incorporare tutti gli ingredienti ottenendo un impasto omogeneo. Appoggiatela su un foglio di carta da forno o di pellicola trasparente e appiattitela. Avvolgetela e lasciatela riposare nel frigorifero per almeno 2 ore. Questo le darà la possibilità di stabilizzarsi. Più sta in frigorifero e meglio è!

La cottura

Io consiglio sempre di preparare l’impasto la sera e cuocerlo il giorno successivo.

Prelevate la pasta frolla dal frigo e stendetela con il mattarello su una spianatoia leggermente infarinata portandola a uno spessore di 5 mm. Utilizzatela per rivestire 6 – 10 stampi da tartelletta da 8 – 10 cm di diametro. Bucherellate la frolla con una forchetta.

La cottura dipende da come volete usare la vostra frolla. Potete creare delle crostatine, mini tart americane riempite di frutta cotta oppure creare dei gusci di frolla tipo tartelette per riempirli poi di crema e per esempio frutta. Seguite le istruzioni delle ricette da voi scelte per continuare la cottura.

Cottura in bianco (alla cieca) – guscio di pasta frolla vuoto

Per procedete con la cottura in bianco dovete all’interno di ciascuna tartelletta posare un ritaglio di carta forno e fagioli secchi o dalle speciali palline in ceramica per la cottura a vuoto. Cuocete nel forno statico già caldo a 180 °C per 15 minuti. Eliminate carta e pesi e cuocete nuovamente per altri 5 minuti. Sfornate e fate raffreddare.

Spero che vi sia piaciuta la mia ricetta. Ricordatevi che il concetto della perfezione in verità non esiste in pasticceria in quanto le ricette devono essere adatte alle nostre necessità e all’uso che ne vogliamo fare. Se seguite le semplici regole di usare la farina priva di glutine e di mantenere la temperatura bassa della vostra frolla sarete sulla via della vittoria.

Approfitto un secondo per dirvi che apprezzo tantissimo che avete deciso di preparare la mia ricetta. Se vi fa piacere sarei molto felice e potrebbe essere un enorme aiuto per me se mi seguiste sul mio canale social ufficiale come per esempio instagram dove pubblico tutte le ricette nuove. Per diventare mio follower basta cercare foodohfood nel vostro instagram oppure cliccare su questo link: https://www.instagram.com/foodohfood/ e premere Segui. Grazie di cuore, Barbara. ^_^

lot of love. B.

p.s. Se cercate delle idee semplici per la collazione che ne dite di questo Plumcake con mele e zucchero di canna (foto sotto).

20 Condivisioni
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Related posts

Cerca la ricetta